ULTIMISSIME DA NON PERDERE...


ULTIMISSIME DA NON PERDERE!!!

VERSO L'
ESTATE 2018:
ECCO TUTTE LE INFO SULL'ORATORIO ESTIVO 2018 [iscrizioni fino a domenica 10 giugno]
VACANZINA IN MONTAGNA elem-medie 30 giugno/7 luglio
COSTIERA AMALFITANA con gli ADO 16-21 luglio
TERRA SANTA GIOVANI 2-11 agosto 2018 [proposte di autofinanziamento del gruppo]

APPUNTAMENTI ORDINARI IN ORATORIO:
DOPOSCUOLA lun, mer e ven dalle 15 alle 16.30 [torna a settembre con nuove iscrizioni]
PANE&PAROLA adorazione eucaristica per tutti - giov 18.30-20 [torna a metà settembre]
PRANZO DELLA DOMENICA ALLARGATO! coi senza tetto in Oratorio una volta al mese [il prossimo domenica 24 giugno]
IL VANGELO A COLORI per i bimbi piccoli a Messa

lunedì 7 marzo 2016

Un bel libro per vivere le opere di misericordia

In questa Quaresima e per tutto l'anno giubilare
stiamo accostando l'antica serie delle "opere di misericordia",
azioni concrete capaci di rendere il tema della misericordia
qualcosa di vivo, di quotidiano.

Ma come accostare e poi vivere in modo diretto e personale
le 7 opere di misericordia corporale
e le 7 opere di misericordia spirituale?

Ci aiuta un piccolo testo davvero bello...

Luciano Manicardi
LE OPERE DI MISERICORDIA
Un modo di vivere le relazioni con il prossimo
edizioni CVS  




Pagine: 118
Prezzo: 8 euro
 
Luciano Manicardi è il vice priore della Comunità Monastica di Bose e maestro dei novizi.
Ha scritto molteplici testi di spiritualità, raccogliendo la tradizione antica dei Padri della Chiesa e traducendola per le esigenze dell'uomo e della donna di oggi.

Il libro percorre tutte le 14 opere di misericordia - 7 corporali e 7 spirituali - con capitoletti agili e incisivi.
Per ogni "opera" viene riscoperto il fondamento biblico ed evangelico con collegamenti a testi dei Padri della Chiesa dei primi secoli fino a sottolineare le scottanti esigenze della società di oggi e della vita dei singoli.

Ad esempio, circa la prima opera di misericordia corporale - "dare da mangiare agli affamati" - si parte dall'invocazione al cuore del Padre Nostro, "dacci oggi il nostro pane quotidiano", precisando che "Dio dona il pane all'uomo, ma anche attraverso l'uomo" (p. 13) e riscoprendo la valenza simbolica dell'atto del mangiare e dalla preparazione del cibo fino ad affermare che "sa mangiare chi è all'altezza della propria umanità" (p. 16). Il capitolo poi si conclude analizzando la tragedia della fame e tutta la responsabilità sociale e anche ecclesiale dei circa 850 milioni di affamati nel mondo.

Apre il volume un'ampia introduzione sul termine "misericordia" che fa da cornice e sfondo al tutto.

don Alberto



 

Nessun commento:

Posta un commento